HOME
Sentiero 375 -  Cascina Cocca - Forcella Monte Calone -
  Relazione stampabile (pdf) Segnaletica
Scarica traccia (gpx)  Mappa
Visualizza il file in Google Earth Profilo altimetrico 
Dislivello in salita: m  300 - Tempo percorrenza: ore 1,10  - Lunghezza: Km. 4,25 - Difficoltà: E
 Località  Altitudine mt. Tempo percorrenza Lunghezza percorso Note Foto
Cascina cocca 830 0,00 0,00 km.   Palo segnaletico  
Località Fraine 845 0.15 1,10 km.    
Località Calone 890 0.50  2,55 km.   Palo segnaletico  
Forcella Monte Calone 1052 1,10 4,25 km.   Palo segnaletico  

La strada asfaltata che sale dalla frazione Faidana raggiunge la località Cocca (m. 830) dove è possibile parcheggiare. Si prende la mulattiera  a sinistra che costeggia la caratteristica pozza d’acqua e, sempre a sinistra, si seguono le indicazioni 375 proseguendo su stradina sterrata per 15 minuti circa per raggiungere l'ampio prato di Fraine .

Superate le cascine si lascia la stradina e si prende un comodo sentiero a sinistra che percorre a mezzacosta circa 1.5 kilometri fino a raggiungere la località Calù ; qui si incontra la strada asfaltata che proviene dalla Rava e finisce a un piccolo parcheggio dove nizia il sentiero della Misericordia  che conduce al Santuario di Conche caratterizzato dalle santelle della Via Crucis.

Seguendo ora le indicazione del palo segnaletico con un largo sentiero si sale fino alla forcella di Calone dove si incrocia il sentiero 3 V. Se si prosegue a sinistra si raggiunge in poco tempo il solitario eremo di S.Giorgio posto su uno sperone roccioso strapiombante sulla Valle di Caino, se invece si continua sulla destra, prima su sentiero e poi su mulattiera, si raggiunge il prato del bellissimo Santuario di Conche. Sembra d’essere di fronte a un convento dell’Umbria; un antico monastero dedicato alla Madonna ed eretto dall’eremita S.Costanzo .

Salendo poi alla Croce posta sopra il vicino dosso si può apprezzare anche dall’alto la splendida ed armoniosa architettura del complesso di Conche e vedere quasi interamente Lumezzane, la lunga cresta del Ladino e numerose vette delle Prealpi; in giornate limpide è facile distinguere anche il Monte Rosa. Poco sopra il Santuario è stato collocato da alcuni gruppi alpini della zona il Monumento all’Alpino a ricordo della battaglia di Nikolajevka .